MOSTRE | Valenza la mostra “Fragile bellezza: arte per il corpo”




Palazzo Valentino – Centro Comunale di Cultura è presente la mostra “fragile bellezza: arte per il corpo, riflessioni contemporanee sul rapporto corpo-gioiello”

La mostra, organizzata dal Comune di Valenza con la curatela di Lia Lenti e Domenico Maria Papa, ha ottenuto il sostegno della Regione Piemonte e delle Fondazioni Cassa di Risparmio di Alessandria e Cassa di Risparmio di Torino.

Con il progetto fragile bellezza l’arte contemporanea è chiamata a riflettere sul tema della preziosità e delle sue caratteristiche effimere: artisti e aziende dell’oreficeria di Valenza si incontrano per rinnovare una lunga tradizione di scambi e di frequentazioni, sperimentando nuovi contenuti e percorsi creativi. Il format fragile bellezza è un omaggio alla storia di un distretto produttivo, alla sua sapiente manualità, al suo territorio e, insieme, una testimonianza di costante innovazione estetica.

L’edizione 2021 coinvolgerà artisti e aziende orafe in una ricerca incentrata sul tema dell’arte per il corpo. Gli artisti saranno invitati ad analizzare il tema del corpo ornato indagando l’idea del gioiello come talismano, amuleto e portafortuna dalle valenze salvifiche e apotropaiche.

Un invito alla riflessione che si estende dall’individuo, inteso nella sua dimensione corporea, alla dimensione collettiva che investe l’uomo tra gli uomini. Quindi non solo il gioiello inteso come ornamento ma anche come simbolo sociale.

Le aziende e gli artistiche daranno forma all’idea di fragile bellezza: arte per il corpo sono: Angry e Angelo Maisto con Fiorecchino, Gioj e Viola Pantano con Anti-social car jewel e Disumano, e ancora Gioj e Ernesto Morales con Infinito Eclisse, Margherita Burgener e Elisa Bertaglia con Brambles, Monile – Jewels of Italy e Emilia Faro con Genesis.

I limiti imposti dalla pandemia hanno impedito l’esposizione delle opere realizzate lo scorso anno e pertanto anch’esse troveranno spazio a Palazzo Valentino, infatti sebbene siano state presentate a dicembre del 2020 in una mostra virtuale allestita presso l’ex Oratorio di San Bartolomeo, per loro questa sarà l’occasione per riconquistare la fisicità negata dal lockdown: Ceva Gioielli e Alice Zanin con Mini Gold and Silver Horse & Interjection, Crivelli e Güler Ates con Home, Il Diamante e Fukushi Ito con In the space and in the time / Raffaello Sanzio – Nello spazio e nel tempo / Raffaello Sanzio, Gioj e Projec-TO con Embrace, Leo Pizzo e Mario Fallini con Stetoscopio sentimentale, Margherita Burgener e Enrica Borghi con Achillea, Ofir e Antonio De Luca con Mulieris lumina et umbrae / Lights and shadows of a woman, Scuola orafa For.Al “Vincenzo Melchiorre” e Carlo Galfione con Nemesis e At least for now, Vendorafa Lombardi e Elizabeth Aro con La fragilità degli abbracci / Raíz de luz, Villa Pedemonte Atelier (VPA) e Paolo delle Monache con Alt.

L’esposizione sarà arricchita anche dalla presenza di una selezione di dipinti, sculture, fotografie e installazioni che mostrerà le singole personalità e sensibilità degli artisti coinvolti nel progetto consentendo al fruitore riflessioni e osservazioni tra rimandi e continuità di intenti.

In mostra saranno presenti anche le opere Diego Dutto e Sabrina Milazzo, due artisti i cui gioielli progettati in collaborazione con le aziende Giorgio Betton di Barbara Betton & C. e Orsini saranno esposti nella terza edizione del progetto. Sarà questa una piccola anticipazione che illustrerà la continuità e l’evoluzione del format fragile bellezza.

La mostra sarà visitabile presso Palazzo Valentino – Centro Comunale di Cultura solo ai possessori di Green Pass.

Orari:

  • lunedì, martedì, giovedì, venerdì e sabato: 9.00-12.30 / 15.00-18.00
  • mercoledì: 9.00-14.00
  • domenica e festivi chiuso

Per informazioni:

Elenco degli artisti e delle aziende coinvolte nella mostra.

ARTISTI

  • Elizabeth Aro
  • Güler Ates
  • Elisa Bertaglia
  • Enrica Borghi
  • Antonio De Luca
  • Paolo Delle Monache
  • Diego Dutto
  • Angelo Maisto
  • Sabrina Milazzo
  • Ernesto Morales
  • Mario Fallini
  • Emilia Faro
  • Fukushi Ito
  • Carlo Galfione
  • Viola Pantano
  • Projec-TO
  • Alice Zanin

AZIENDE

  • Angry
  • Ceva Gioielli
  • Crivelli
  • Il Diamante
  • Gioj
  • Leo Pizzo
  • Margherita Burgener
  • Monile – Jewels of Italy
  • Ofir
  • Scuola Orafa For.Al “Vincenzo Melchiorre”
  • Vendorafa Lombardi
  • Villa Pedemonte Atelier (VPA)

Dida Photo

Nel cosmo la triade perfetta: la Luna, la Terra e il Sole!
Nel gioiello nato dalla collaborazione tra l’artista Ernesto Morlaes e l’azienda Gioj tre sfere, immagine della triade perfetta, mostrano ognuna, da un lato, la rappresentazione del cosmo e, dall’altro, un simbolo che identifica la Luna, la Terra e il Sole.
Quest’ultimo è reso attraverso il simbolo dell’infinito come a figurare un’immersione nei confini illimitati del cosmo, inteso come una dimensione in continua evoluzione e trasformazione, in cui natura e pensiero coesistono in una sola aspirazione.
Ph. Close Up Studios (Web)
HTML Snippets Powered By : XYZScripts.com